Si avvia al canto da bambino in un complesso di grande prestigio come il “Coro di voci bianche del Teatro alla Scala di Milano” sotto la guida del Maestro Schmidt-Gaden.

Nel 1992 intraprende lo studio del canto lirico in modo continuo.Lorenzo Marroccu 2

Nel 1993 debutta, in forma di concerto, nel ruolo di Tebaldo (Capuleti e Montecchi di Bellini) a Pescara e in “Un  giorno  di  regno”, nella parte di Edoardo, in Sicilia.

Nel 1994 canta a Tokyo in “Olivo e Pasquale” di Donizetti, nel ruolo principale di “Camillo”, con repliche al Teatro Sociale di Como e al Teatro Coccia di Novara.

Nel 1995, a Palermo, canta in un “Giorno di Regno” di Verdi, in forma scenica. Nel Gennaio del 1995, in Svizzera, si esibisce nella “Messa di Santa Cecilia” di Scarlatti e, nell’anno successivo, nella “Messa in Re Maggiore” di Dvorak.

Nel mese di Giugno del 1996 risulta vincitore di una borsa di studio con Masterclass individuale, tenuta dal tenore Alfredo Kraus, indetto dagli Amici del Loggione del Teatro alla Scala di Milano, con concerto di Gala nella Sala Verdi, accompagnato dall’Orchestra Giuseppe Verdi.

Nel 1997, ancora in Svizzera, canta nella “Petite Messe Solennelle” di Rossini e subito dopo prende parte ad una tourné organizzata dagli Amici del Loggione del Teatro alla Scala, in Sud Africa e Namibia.  Nel mese di Marzo dello stesso anno è chiamato a sostenere il ruolo di “Ferrando” nel “Così fan tutte” di Mozart, produzione preparata sotto la supervisione di Jeannette Pilou ed eseguita ad Atene al Megaron Musikin. Prende successivamente parte alla messa in scena de “La Lettera Anonima”, nel ruolo di Filinto, al Teatro Litta di Milano, in collaborazione con il Teatro alla Scala. E’ richiamato in Grecia per ulteriori recite di “Cosi fan tutte”. Nel mese di Ottobre del 1997 ricopre il ruolo del Conte d’Almaviva, nel “Barbiere di Siviglia” di Rossini al Teatro Municipale di Salemo.

Nel mese di Aprile 1998 è Ferrando nel “Così fan tutte” di Mozart a Bari e Gennaro nella Lucrezia Borgia di Donizetti a Bergamo. Nello stesso anno partecipa al Festival di Castel Gavamo, invitato dal Maestro Aldo Ceccato e partecipa a tournè in Sud Africa, Siberia e Russia. Nei mesi di Novembre e Dicembre ricopre il ruolo del Conte d’Almaviva nei teatri di: Pisa, Ravenna, Lucca, Siena, Livorno e Mantova. Successivamente, il Teatro Comunale di Firenze lo invia come ambasciatore lirico in Canada per quattro concerti (Montreal, Ottawa). Nel mese di Dicembre prende parte alla messa Brevis e alle Litanie di Mozart, nonché al Magnificat di Vivaldi  (con coro e Orchestra) a Bergamo e Milano. Quest’anno sarà Don Ottavio in Giappone e il Conte d’Almaviva a Datmit.

Facebook
YouTube